Il lampone

Origine e varietà

I lamponi che oggi coltiviamo nell'orto provengono dal lampone di bosco europeo. Si sono trovate tracce di queste piccole bacche selvatiche anche in vicinanza di insediamenti preistorici nell'Europa sudorientale. Per molto tempo si conoscevano soprattutto i piccoli lamponi di bosco che crescono selvatici e rigogliosi. Solamente nel Medioevo i monaci presero a coltivare le piante di lampone che avevano già allora fama di pianta officinale. Come le more e le fragole, anche i lamponi appartengono alla famiglia delle rosacee. Si tratta di piante poco delicate che crescono preferibilmente in un clima fresco e umido. I frutti delle dimensioni da 1 a 3 cm, crescono su suffrutici le cui verghe raggiungono, contrariamente ai frutici, un'età di 2 anni. Dal punto di vista botanico il lampone non è una bacca ma una mora.

Del lampone esistono diverse varietà che si differenziano per dimensioni, aroma e colore. L'aroma va da delicato ad aromatico e da dolce a molto aspro. I lamponi hanno colore da rosso chiaro a rosso scuro, ma esistono anche delle varietà gialle e color oro (Everest).

Salute

I lamponi hanno un sapore gradevole e sono ricchi di vitamine e di sostanze minerali. Contengono molta vitamina C, magnesio, calcio e potassio e sono ottimi regolatori del bilancio idrico nell’organismo. Inoltre sono ricchi di flavonoidi (coloranti gialli, rossi e violetti) nonché di acido fenico (tannini aromatici) che stimolano il sistema immunitario e prevengono il cancro. In generale le sostanze contenute nel lampone hanno effetto antibiotico, diuretico, stimolano l'appetito e sono purgativi. Giovano inoltre per disturbi ai reni e alla vescica, acidità di stomaco e problemi digestivi.


Esperienza: pedalata cultura e piacere

dal 03.06. al 17.06.2018 7 x MP p.p. da 420 Euro

Attenzione: le donne soggiornano a metà prezzo

dal 13.05. al 20.05.2018 7 x MP p.p. da 217,50 Euro
Offerta per donne dell'Hotel Bergfrieden a Martello